bw

Best Camera is: Use It + Post-Processing + Crop by David Fattibene

Post processing & Cropping with Lightroom

The Best Camera is the One You have with You and You are Willing to Use

The picture above represent the typical image taken by accident, my camera was in the bag, an after 30min walking I've decided to take ii out and, at least, hang it to my shoulder. Few minutes later I took the picture below, then, during post-processing, I've tried a black & white + horizontal aspect and I liked even more.

Technik Point

On the right the original image and above the post-pressed and cropped version

  • Exposure +1 EV
  • Whites +30
  • Clarity +60
  • Tone Curve: Medium Contrast
  • Vignetting -40
  • Sharpening +45
  • Local adjustments on the dog's eyes and face

StudiAperti Ameno - Giancarlo Bedoni by David Fattibene

Giancarlo Bedoni vive e lavora ad Ameno, paese in cui per anni è stato portalettere. Nel 1940 anni inizia l’apprendistato da falegname nella bottega di Pontiroli Angelo a Lortallo, poi si avvicina alla tecnica del restauro frequentando la bottega Rosati a Orta San Giulio.

Casa Giazzi, Via Topini - Ameno

Source (StudiAperti Art Festival

Event #03 - Oscar Giannino by David Fattibene

Oscar Fulvio Giannino (Torino1º settembre 1961) is a journalist and italian politic. He is candidate as Prime Minister with the movement Fare per Fermare il Declino.

Event #02 - Bruciami l'anima di Marco Travaglini by David Fattibene

La Bosnia Herzegovina, raccontata in cinquanta capitoli scritti con taglio giornalistico e con un filo logico per raccontare un popolo straordinario che “produce troppa storia rispetto a quella che riesce a consumare”.

Le fotografie del libro sono opera di Paolo Siccardi, fotoreporter che ha documentato il Paese con le sue immagini che non hanno bisogno di essere commentate.

La copertina riporta un fatto accaduto nel 1992, quando il musicista della fotografia suono’ per ventidue giorni l’adagio di Albinoni con il suo violoncello nella stazione ferrioviaria dove poco prima c’era stata la cosiddetta “strage del pane”.

Federica Fili